I tempi che corrono..piccola riflessione (duemila e ventidue)

C’era una vecchia vecchissima oramai canzone di J-AX che nel sue strofe riportava il fatto che nel 2030 rimanevamo senza aria, un giorno sì e un giorno no scoppiava una Bomba e che un virus ti avrebbe fatto morire nel giro di 24 ore. Per chi come me è dell’84 fu una canzone veramente cool dell’epoca.

Quel che mi fa sorridere o rabbrividire, ancora non so in che misura le due sensazioni, è che non solo ci aveva azzeccato ma che davvero forse quel sentire il futuro in maniera come dire pessimistica fosse già un sentore che si avvertiva già negli anni ’90.

Paolo Pezzotti

Pubblicato da polart84

Scrittore di poesia nonchè autore di opere d'arte ad acrilico e olio su tele e pannelli in legno in figurativo astratto

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: